L’uso del termine ”massa” attraverso biografie ed episodi storici per evocare l’importanza del “peso” nelle nostre vite

442 Views

A Villa Filippina ritorna Epruno, non nella sua solita veste ironica ma con un racconto intimista e a tratti profondo

PALERMO – Al Parco Villa Filippina (piazza San Francesco di Paola 18) domenica 26 marzo alle ore 18.00 arriva il secondo appuntamento dal titolo “La massa” della rassegna “Leggendo Epruno”, reading a più voci con immagini e contenuto musicale. Un format originale e scanzonato che racconta stati d’animo, sensazioni ed esperienze personali su tematiche culturali, politiche e sociali, oltre che sui grandi temi di attualità narrati anche in modo originale e dissacrante, che ha già visto undici edizioni negli anni precedenti.

“Sul palco, questa volta, parleremo del primo due in schedina e della scarcerazione inattesa di Barabba nei confronti di Gesù richiesta a ‘furor di massa’. Ci chiederemo, in un dialogo virtuale, con un eroe antimafia, se ne fosse valsa la pena di ingenerare orfani. Parleremo di Isaac Newton e della “sua mela”, che diede vita alle leggi sulla gravità. Parleremo di massa per affrontare argomenti delicati quali la massa fisica (peso corporeo) o gli effetti devastanti apportati con gli anabolizzanti al fisico umano attraverso la narrazione della storia di una generazione di atleti dell’est e di un lanciatore del peso. Ma, tra le tante masse, come dimenticare il ‘peso sulla coscienza’, il valore dell’essere umano e di come questi vada ‘misurato’. Parleremo di morti bianche e di omissioni, davanti alle grandi brutalità della storia. Conosceremo il peso che l’ex ministro Fornero, con la sua legge, ha avuto nella vita dei pensionabili, e dell’eterno conflitto tra gioventù e vecchiaia per chi non si rassegna al naturale passare degli anni, spiegandoci perché c’è un tempo per tutto e perché è necessario dare alle cose della vita, un giusto peso”, spiega Epruno.

L’autore coinvolge nella lettura, gli amici, lettori non professionisti, autorità e personaggi autorevoli della società civile, che, in puro spirito “eprunico”, alternandosi sul palco e mettendo da parte i propri ruoli, dimenticano i loro curriculum ed accettano di essere protagonisti e spettatori ironici dello spettacolo per una sera.

Gli appuntamenti, in programma fino al 28 maggio (30 aprile e 28 maggio) sono degli ironici editoriali, frutto di un’attività più che ventennale di Epruno, narratore e blogger, con uno spunto di riflessione su temi impegnativi, parafrasando la “vita” attraverso “il viaggio”, le ambizioni e i progetti attraverso il “sogno” e la continua messa in discussione di tutti gli stereotipi attraverso la “pazzia” intesa nella sua forma meno patologica e più stravagante.

Biglietti: 5 euro (singolo spettacolo), 12 euro (abbonamento ai 3 appuntamenti, 4 euro ciascuno e la riserva dei posti nelle prime file) oppure 20 euro (5 euro spettacolo + 15 euro antipasto, pizza e drink). Info e acquisto biglietti al 389 1335731.

Redazione
Author: Redazione

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Comments

comments

Related posts