Università: a Castelbuono un corso in tutela agroalimentare

295 Views

Promosso dall’ateneo di Palermo in collaborazione con il Comune

Parte da Castelbuono, candidata a Città Creativa Unesco nel settore della gastronomia, la prima edizione del Corso accademico di perfezionamento post-lauream di area giuridica.Il bando “Tutela giuridica e promozione della qualità e sostenibilità dei prodotti agroalimentari e dei territori”, promosso dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Palermo.

Unico in Italia, il corso è destinato al perfezionamento della formazione di laureati in Giurisprudenza, Economia e Agraria (magistrali, triennali e specialistiche) con l’obiettivo di creare figure specializzate nelle tematiche della qualità e della sostenibilità dei prodotti agroalimentari e dei territori.

La prima edizione, sotto la direzione della Professoressa Giuseppina Pisciotta Tosini, si svolgerà a Castelbuono da luglio a dicembre 2023 tra Palazzo Failla, sede del Consorzio Universitario della Provincia di Palermo e il Museo Civico di Castelbuono, istituzione partner.
“L’attivazione del Corso – spiega Tosini – rinvigorisce la collaborazione tra l’Università e il Comune di Castelbuono e rappresenta non solo un’occasione per estendere la formazione universitaria post-lauream nell’area metropolitana ma anche la concreta opportunità di formare esperti in discipline oggi indispensabili per l’attuazione dei principi dell’Unione Europea relativi alla valorizzazione delle specificità territoriali e contrastare il fenomeno dello spopolamento delle aree interne”.
“Siamo onorati di poter ospitare un corso di alta specializzazione che arricchisce l’offerta formativa del nostro territorio – afferma il Sindaco di Castelbuono, Mario Cicero – nell’ambito della nostra Candidatura a Città Creativa Unesco per la gastronomia. Che l’Università di Palermo abbia identificato Castelbuono quale luogo per lo sviluppo e lo studio di tematiche legate al mondo enogastronomico, accredita questo nostro percorso testimoniando lo sforzo che, unitamente con il territorio, stiamo compiendo verso la valorizzazione e la promozione dei nostri caratteri distintivi”.

Redazione
Author: Redazione

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Comments

comments

Related posts