Itinerario Barocco

344 Views
 Preistorico  Fenicio – Punico  Greco – Romano  Arabo – Normanno  Barocco  Neoclassico   Storia dell’ Arte

L’OCCHIO DELLO STRANIERO. Sino al 1968 non esisteva uno studio d’insieme sull’Architettura barocca in Sicilia. È mèrito di Anthony Blunt l’avere pubblicato, in quell’anno, “Barocco Siciliano”, un centinaio di pàgine di testo e 156 nitide fotografie di Tini Benton. Come il volume dell’inglese J. J. Norvvich, per i monumenti normanni, così questo del suo connazionale A. Blunt, sospinse i Siciliani, in particolare del ceto medio, a riscoprire e rivalutare la stupenda bellezza e originalità dei loro monumenti barocchi. Di diversa valenza, si trovano fàbbriche barocche quasi in ogni parte dell’Isola. Al visitatore interessano però i monumenti più significativi, verso i quali vale veramente la pena di muoversi. Ma sarebbe una lunga lista, e ci limiteremo quasi alle semplice annotazione dei luoghi, rimandando il cortese lettore alle sìngole voci di questa “Guida”. Cominciamo dalle sopravvivenze di Messina, la città distrutta dal terremo­to del 1908: il monumentale San Michele, le Fontane del Montòrsoli… Poi andiamo ad Acireale, sulla costa iònica: il Municìpio, San Sebastiano…E sùbito a Catania: Palazzo Bìscari, il Duomo, il Palazzo dell’Università, Via Crocìferi… Ed ora a Siracusa: il Duomo, che ingloba un tempio dòrico del V sec. a. C., ed almeno due stupendi palazzi: Bufardeci, e Beneventano del Bosco con elegante scalone. Noto, città interamente barocca, dalla pietra colore del miele: Palazzo Ducézio con bel pòrtico, Palazzo Villadorala con le mènsole scolpite nei balconi, il Duomo, Montevérgini… Palazzolo Acréide: un balcone. San Pàolo e l’Annunziàta. Ragusa e Mòdica: il Duomo di San Giovanni a Ragusa e di San Pietro a Mòdica, forse dello stesso architetto; San Giorgio a Ragusa e a Mòdica, due capolavori di Rosario Gagliardi. Ferla: Chiesa Madre. Buscemi: Sant’Antonio e Chiesa Madre. Scicli: Chiese e palazzi. Agrigento: Santo Spirilo. Palma di Montechiàro: il Duomo. Raffaali: San Giuseppe, una riscoperta. Caltanissetta: il Duomo. Piazza Armerìna: il Duomo. Tràpani: il Collegio dei Gesuiti, il Duomo di San Lorenzo, il Santuàrio dell’Annunziàta ed il Museo Pepali. Bagherìa: le Ville del ‘700. Monreale: la cappella del Crocifisso, nel Duomo. Palermo: Palazzi, Fontane, Chiese, Oratori, le Ville del ‘700 nella Piana dei Colli… Una Città barocca.

Leave a Comment