A Bagheria la conferenza sul ‘’Il Valore aggiunto della Diversità’’

345 Views

Si terrà domani a Bagheria presso il Cinema Capitol in Via Roma n. 8 alle ore 17:30 la Conferenza sul “Il Valore aggiunto della Diversità” e alle proiezioni dei Cortometraggi L’Erede e Laide organizzata dall’Associazione Culturale ARIA Art Refuge International Accomplices e dall’Associazione Culturale Carini IOD Carinesi Nord d’America.

L’Erede; scritto e diretto da Santa Di Natale, tratto dall’omonimo romanzo di Daniela Di Benedetto e prodotto da Daniela Di Benedetto, Nicol Prestana e Santa Di Natale per ARIA Art Refuge International Accomplices.

WICCA “La Nota Perfetta”; scritto diretto e prodotto da Santa Di Natale per ARIA E CARINI IOD Carinesi Nord America.

La proiezione dei due lavori vuole essere un’occasione di confronto con gli esperti di settore, da noi individuati attraverso importanti collaborazioni su tematiche sociali di forte valenza pedagogica e legate alla nostra mission di interscambio delle arti con gli Stati Uniti, denuncia sociale e marketing territoriale:

Cinema come arma empatica per la dissoluzione di stereotipi e pregiudizi con una interessante ricaduta di marketing territoriale e turismo relazionale integrato.

L’idea di base è quella di esportare, partendo appunto dalle comunità di siciliani all’estero, per poi allargare sempre di più la fetta di fruitori, una Sicilia che possa essere “laboratorio di sogni”. Si può raccontare il territorio e la sicilianità come tratto sincretico distintivo e non come etnocentrismo o peggio stereotipo che vilipende il volto culturale della nostra amata terra. Raccontare una terra di fascinazione, bellezza artistica, paesaggistica e culturale, ma nel contempo denunciare allarmi sociali, figli dei mali della modernità, significa raccontare una terra che non è rimasta ancorata ad arcaiche tradizioni, ma che è andata al passo coi tempi, nel bene e nel male, una Sicilia che non è rimasta a languire in un tempo fotografato che ancora oggi viene raccontato; una Sicilia che grida: “ci sono anch’io e voglio denunciare veri e propri allarmi sociali, troppo spesso ignorati in favore di spaccati dequalificanti e favolistici!”

Le tematiche che affrontiamo nella nostra idea di Cinema, come vera e propria lotta, mettono al centro la diversità come valore aggiunto:

L’Erede; è l’ossessione Verghiana per la terra, la storia di un uomo che non ammette un progresso distruttivo perché la sua terra è linfa vitale, sia per le attività produttive che per la poesia che trasuda. Scritto da una speciale scrittrice asperger, ha attirato attorno a sé la collaborazione di Associazioni e persone molto speciali, oltre ad aver previsto nel cast attoriale un gruppo di attori bambini affetti da neuro divergenze di vario tipo, ma perfettamente scolarizzati e inseriti nel tessuto sociale.

Durante il breve dibattito con esperti di settore, vogliamo raccontare come spesso si pensa alle neuro divergenze come fragilità e non come forza, bambini sui quali non investono nemmeno i genitori che si limitano a proteggerli ritenendoli fragili. Questi bambini hanno invece dimostrato sul set una serietà professionale, zelo, passione, corredo di pochi neuro tipici e un talento da considerare un vero dono di Dio. Questi sono bambini sui quali anche le istituzioni devono investire in termini di forza, valore aggiunto.

A seguire verrà proiettato il teaser:

“WICCA” La Nota Perfetta, la Sicilia esoterica che nessuno conosce.

La diversità come valore aggiunto ci ha spinti a raccontare anche questa storia vera sulla questione gender e le sue implicazioni. La disforia di genere ha un decorso ben preciso che porta a una totale guarigione dopo l’intervento. Il modo in cui viene vista e trattata, però, è spesso taciuto dai familiari di chi ne è affetto, i quali non accettano che il corpo da loro generato, quindi, considerato perfetto, venga distrutto da un intervento chirurgico. È un allarme sociale con orribili ricadute. Per sfuggire alla discriminazione, Mattia, il protagonista adolescente di questo teaser, rifiuta le cure mediche e decide di rifugiarsi nella Wicca, religione neopagana che nasce in America, ma si diffonde anche nelle terre di particolare esoterismo come la Sicilia. Questo ci ha dato la possibilità di raccontare la storia ancestrale della Sicilia, legata al mito, ai rituali. Il nostro futuro film vuole raccontare il fascino di questa terra senza tempo e denunciare, al tempo stesso, la demonizzazione del diverso, fenomeno che dà origine agli stereotipi, trasformandosi anche nella distruzione dell’economia di un territorio che nell’immaginario collettivo è luogo di mafia e degrado. Raccontare miti, leggende, siti megalitici, esoterismo, significa promuovere il territorio in un film di denuncia sociale, cosa che supera l’etnocentrismo per colpire al cuore di chiunque guardi.  Perché ci rivolgiamo alle istituzioni per amplificare questo grido di speranza?

Spesso, a causa della perdita di fiducia proprio nelle istituzioni, i giovani scelgono di formulare le regole da soli e decidono di aderire a modelli aggregativi che nascondono forme di settismo dietro a una cortina di buone intenzioni. La rete internet nasconde insidie sconosciute o addirittura taciute, demoni e streghe, proposti come eroi positivi o forme mistificate di comunicazione che demoliscono il diverso per spostare l’obbiettivo dai problemi reali a mostri inesistenti, scatenando il cyber bullismo i così detti heaters. L’odio virtuale è una tendenza che inocula nel giovane un nuovo concetto di predestinazione, inducendolo a forme di internet addiction, vera distruzione dell’empatia. La mancanza di comunicazione empatica, lo stereotipo, il pregiudizio, stanno spesso anche alla base di forme di violenza sulle donne. Il film affronterà anche la pandemia da Covid 19 momento in cui esplode il volto più crudo della violenza domestica, ma anche l’ironia spesso giullaresca del popolo siciliano, capace, nei periodi più duri, di tingersi di colori incredibili.

Queste e tante altre sono le problematiche affrontate in WICCA “La Nota Perfetta”, ma più in generale nelle nostre narrazioni cinematografiche e teatrali:

Il tema della diversità vista come non disvalore, ma valore aggiunto.

L’analisi della sempre più dilagante pratica di ambigue religioni neopagane.

Le forme di autismo biologico o indotto da nuovi mezzi di comunicazione.

Ciò che vogliamo dimostrare è che la rete, vista come comunione d’intenti, vince sempre e che la creazione di ghetti non può essere la vittoria di un popolo dalle straordinarie caratteristiche di accoglienza.

ARIA Art Refuge International Accomplices

“ARIA” è l’acronimo di anime che scrivono, creano immagini e sogni con la mission di promuovere il territorio all’estero. Quindi un marchio che attrae sempre più professionalità allo scopo di creare la prima vera grande azienda del Cinema che ospita esclusivamente maestranze di un paese straordinario, “l’Italia”.

La regia del film che proponiamo, e della quale ARIA ha prodotto un teaser, è firmata Sikelia (acronimo di Santa Di Natale Regista, attrice, cantante, drammaturga e scrittrice catanese e Vito Badalamenti, ricercatore, scrittore, regista italo americano). La Fusione d’intenti è sfociata in un protocollo d’intesa tra le Associazioni Culturali Aria Art Reefuge International Accomplices e Carini IOD Siciliani Nord America, con lo scopo di fare, promuovere ed esportare in America un Cinema che ama la ricerca, la letteratura, la tradizione, i sapori, i costumi, di una terra senza tempo.

Non intendiamo questo progetto come acceso etnocentrismo né colonizzazione degli altrui codici di comunicazione, è un esperimento di “cinema come dialogo tra i popoli”.

 LAIDE IL FILM DAL FASCINO ESOTERICO

Il progetto di Cinema come dialogo tra i popoli è talmente credibile che MEDITERRANEA PRODUCTION SRL, MAD7 SRL, l’INDIPENDENTE SRL tre salde aziende romane, insieme a POOL CRISLER, storica casa discografica lombarda, e 3RE, etichetta indipendente emiliana, hanno deciso di sposare ARIA e il progetto per la produzione del film dal titolo provvisorio WICCA “La Nota Perfetta”, oggi “Laide”, scritto e realizzato in parte, ossia sette minuti di teaser, da siciliani.

Questa azienda del cinema fatta da siciliani, propone però un film che è sposato, cooprodotto, promosso e distribuito da aziende romane, lombarde, emiliane.

L’ITALIA PER L’ITALIA

L’Italia scende in campo per rivolgersi a quel pezzo d’Italia che si trova in Europa, negli Stati Uniti, nel mondo, figli di un Paese che non li dimentica ma che in loro riconosce la vera risorsa, turismo relazionale integrato, sincretismo, comunicazione interculturale positiva. Nessuno più di un esule sente così pregnanti i profumi della terra madre, li custodisce nel proprio cuore e proietta nella propria anima immagini di una bellezza onirica. È per questo che ci rivolgiamo ai nostri fratelli emigrati affinché possano insegnarci ad amare una terra senza tempo per raccontarla e restituirla con i colori dell’anima non con l’acredine della pancia o la superficialità di occhi tanto abituati alla bellezza da non riconoscerla più.

CINEMA E AZIENDE ITALIANE: LABORATORIO DI SOGNI

Da circa sei anni combattiamo per promuovere un volto nuovo della Sicilia, con un modello esportabile in ogni regione italiana, che passi attraverso la cultura; un circolo virtuoso di aziende che promuovono sé stesse attraverso opere d’evasione che possano affascinare chi di noi ha un’idea fuorviante. Fare del buon Cinema significa invitare chi non ci conosce o peggio di noi conosce il volto stereotipato che ci vede legati a fenomeni mafiosi e malavitosi, a visitare un Paese unico per la ricchezza storica e paesaggistica. L’Italia è arte, cultura sincretica, storia e tradizione, ma anche allarmi sociali troppo spesso ignorati in favore di racconti favolistici. Italia nell’immaginario suggestivo all’estero equivale a mafia, pizza e spaghetti. Questi sono gli aggettivi che ci qualificano.

MARKETING TERRITORIALE

L’Italia è anche una terra di Santi e di eroi, di artisti e grandi scienziati, è la terra della retorica, della poesia. C’è un Italia che lavora, che crea, che produce e l’idea di creare una rete di aziende che possa promuovere un Cinema che a sua volta promuova le aziende italiane, significa creare i presupposti di un’azienda più grande: “L’azienda Italia”. Diventare uno sponsor o produttore della nostra nuova azienda del Cinema significa dunque: “Sponsorizzare l’Italia”. Raccontare l’Italia del mito, delle leggende, dei megaliti, della tradizione sana, mettendo al centro le aziende, significa restituire dignità alle nostre origini, distruggere il pregiudizio che danneggia la nostra economia e accogliere chi non ci conosce alimentandone l’immaginario suggestivo con la vera storia della nostra terra Madre “la Cultura Sincretica”. Superare il concetto di predestinazione partendo da noi, significa invece: “Vincere, insieme”.

Redazione
Author: Redazione

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Comments

comments

Related posts