Tribunale di Palermo, un altro avvocato positivo al Covid 19

117 Views




La UILPA chiede all’amministrazione di informare i dipendenti: “Chi ha avuto contatti con il professionista deve fare il test”

“Il 7 ottobre, un avvocato del quale non conosciamo le generalità, ha comunicato all’Ordine professionale di Palermo di essere risultato positivo al Covid 19, descrivendo nei minimi dettagli e con lodevole precisione gli uffici e le aule di udienza frequentate negli ultimi dieci giorni”: a comunicarlo è Alfonso Farruggia, segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia, che ha scritto una lettera al vertici del Tribunale e della Corte di Appello di Palermo chiedendo immediati chiarimenti e particolari a tutela della sicurezza e della salute pubblica.

“Si tratta di una notizia molto allarmante – spiega l’esponente sindacale, che da settimane ormai invita l’amministrazione a prendere provvedimenti per contrastare la diffusione del virus presso la cittadella giudiziaria – dinanzi alla quale, in primis, formuliamo al professionista i nostri migliori auguri di pronta guarigione, ringraziando sia lui che l’Ordine degli Avvocati di Palermo per la tempestività delle informazioni erogate, congiuntamente al senso di responsabilità e alla sensibilità dimostrate”.

Secondo il sindacato, a seguito dell’informazione trasmessa dal  legale – che avrebbe transitato, per ragioni professionali, anche presso gli uffici del Giudice di Pace, uno dei luoghi a più alto rischio di contagio come denunciato da Farruggia nei giorni scorsi – non sarebbe stato fatto alcun intervento di sanificazione immediata dei locali dove l’uomo ha avuto accesso, descritti in modo molto preciso dallo stesso.

“Tutto ciò – afferma Farruggia –  esporrebbe i dipendenti e gli avvocati stessi a un rischio molto elevato, pertanto chiediamo all’amministrazione del Tribunale di provvedere immediatamente a rendere esecutive le procedure sanitarie previste”.

Il segretario chiede ulteriori chiarimenti.

“La UILPA – prosegue – vuole sapere se l’ amministrazione ha già provveduto a comunicare ai dipendenti interessati il nominativo dell’avvocato in modo che ognuno possa stabilire se sia stato esposto a potenziali rischi e venga sottoposto ai test sanitari previsti ed eventualmente messo in quarantena precauzionale”.

“In tempi non ancora sospetti né drammatici come quelli attuali – conclude – la UILPA ha pubblicamente stigmatizzato le scelte adottate dall’amministrazione relativamente al rientro degli avvocati nelle aule e negli uffici: abbiamo sempre sottolineato la necessità di proseguire con il lavoro da remoto e  sostenuto, come purtroppo si è verificato, che l’assembramento avrebbe determinato un aumento dei casi di contagio”.

Tra le varie richieste del sindacato, l’immediata fornitura al personale dei dispositivi di protezione individuale, a partire dai pannelli protettivi per chi quotidianamente opera a contatto con l’utenza esterna.


Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Comments

comments

Related posts