“Sulle tracce del passato”: in libreria l’opera prima di Giovanna Gebbia

171 Views





“Sulle tracce del passato”: è il titolo del libro di Giovanna Gebbia, autrice palermitana al debutto letterario.

Un’ opera prima edita da Intrecci che affronta il tema del viaggio e dell’appartenenza ai luoghi, dei legami mai recisi con un passato ancora vivo e dell’amore profondo verso la Sicilia e la sua dolorosa bellezza.

Il tema del viaggio come momento di riscoperta, crescita interiore e possibilità di cambiamento è una costante nella vita professionale dell’autrice, tra le massime esperte di marketing territoriale in Sicilia , organizzatrice e promotrice di iniziative ed eventi culturali che privilegiano le bellezze architettoniche di Palermo e la ricchezza della biodiversità madonita.

Luoghi geografici ma anche e soprattutto dell’anima che Giovanna racconta attraverso personaggi di estrazione diversa, legati dal filo rosso della memoria , nei quali ognuno può ritrovare un pezzo significativo della propria vita.

Lo stile è brioso, accattivante e profondo, anche grazie al mirabile utilizzo di una punteggiatura che accompagna il lettore lungo un percorso dove si alternano descrizioni dettagliate, flashback emotivi e sentimentali, sentimenti cristallizzati attraverso le lettere dei protagonisti e il senso di un’appartenenza atavica ai luoghi di origine che assumono così una valenza universale.

“Ringrazio l’editrice Lucia Pasquini e l’agente letteraria Rosa Gargiulo – precisa – che mi hanno accompagnato e sostenuto in questa straordinaria esperienza”.

Un’avventura letteraria che, alla luce delle qualità espressive dell’autrice, potrebbe segnare l’avvio di una nuova stagione di impegno culturale per Giovanna Gebbia, attenta conoscitrice delle specificità paesaggistiche, artistiche e gastronomiche della Sicilia.

Il libro si arricchisce della prefazione di Mari Albanese, insegnante e scrittrice, e della postfazione di Marianna La Barbera, giornalista: due amiche di Giovanna, che con i loro contributi hanno declinato, attraverso la propria sensibilità, il senso del romanzo, cogliendone anche alcuni aspetti legati alla sfera personale e affettiva.

Di particolare rilievo anche la copertina del libro, una foto gentilmente concessa da Sebastiano Sciacca.




Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Comments

comments

Related posts