Mostre: tre collezioni ceramiche storiche esposte a Palermo

196 Views

Dal 27 agosto all’Abatellis,Palazzo Mirto e Oratorio dei Bianchi

Il Museo regionale di Palazzo Abatellis inaugura a Palermo tre interessanti mostre che pongono all’attenzione del pubblico le collezioni di ceramica a “terzo fuoco”. “Vivere nell’arte” a Palazzo Abatellis, “Imperatori e Dame” a Palazzo Mirto e “Simboli, miti e allegorie” all’Oratorio dei Bianchi sono tre momenti di una produzione che porta la firma di Evelina De Castro, direttrice del Museo regionale di Palazzo Abatellis, di Maria Rosa Panzica e Valeria Sola: apriranno come evento speciale nell’ambito di Restart, venerdi 27 agosto dalle 19.30 alle 24.00, per proseguire poi secondo gli orari ordinari di visita dei siti.

“Tre interessanti mostre che celebrano l’operosità e l’originalità della produzione ceramica in Sicilia in un tempo di grande fermento culturale. Un omaggio all’arte – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – ma anche alla laboriosità di un popolo che ha sempre saputo interpretare, con particolare gusto estetico, anche gli oggetti della quotidianità. Tre mostre che, in sicurezza, offriranno ai visitatori l’opportunità di ammirare durante le ore notturne tre splendidi siti della cultura siciliana, apprezzandone anche i preziosi interni”.
Dalla produzione palermitana della seconda metà del Settecento e dei primi dell’Ottocento degli opifici Sperlinga e Malvica, si arriva fino alla metà secolo con le produzioni che portano il marchio della fabbrica Martinez, esempio di svolta borghese rispetto all’esordio aristocratico e di corte. Il duca di Sperlinga e il barone Malvica impiantarono le loro manifatture nelle rispettive casene, a Malaspina e alla Rocca sotto Monreale, luoghi dell’abitare in villa, ma anche sedi dell’attività produttiva. Tutto ciò in sintonia con le tendenze della corte borbonica di Napoli, mai così vicina alla Sicilia, fino a risiedervi, a causa dei ben noti accadimenti storici.
Evelina De Castro, direttrice della Galleria evidenzia la chiave di lettura storico-artistica e sociale dell’esposizione. “Nella produzione ceramica palermitana di età borbonica – spiega – trovarono espressione il gusto e la moda di corte – al passaggio dal rocaille al classicismo, estesi a tutte le produzioni di arti decorative e applicate che segnavano lo stile di vita delle élites, immortalato nei vividi collages polimaterici, opera di artisti, ma anche divertissement virtuosistici da parte di esponenti della nobiltà”. (ANSA)

Redazione
Author: Redazione

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Comments

comments

Related posts