Cimitero dei Rotoli. Comune di Palermo: “Ripartono i lavori per 190 loculi sottoterra”

159 Views
“La settimana prossima – riferisce oggi Sergio Pollicita, capo di gabinetto del sindaco, nel corso della seduta di consiglio della VII circoscrizione – ripartiranno al cimitero dei Rotoli i lavori per la realizzazione di 190 loculi sottoterra che saranno pronti entro un  mese e mezzo, entro tre mesi saranno invece disponibili 430 loculi  fuori terra e nel giro di sei/otto mesi ne verranno collocati altri 1.800. Recentemente – continua – abbiamo avuto due ispezioni da parte dell’Asp il sindaco ha avuto assegnato un termine di sei mesi per adeguare bagni, impianti elettrici, scale e loculi murali presenti sul muro di cinta che non sono risultati in buono stato. L’eventuale accertamento di non adempimento farà scattare processo penale quindi ci sarà la massima attenzione e proprio stamattina abbiamo valutato di nominare un tecnico che si dedichi, integralmente alle dirette dipendenze del sindaco, oltre che alla valutazione dei costi anche a valutare se si può fare con le nostre forze ovvero Amg, Coime, Reset. La Reset ha una scheda che prevede interventi ai cimiteri come scavi, manutenzione e pulizia del verde però non può occuparsi di smaltimenti particolari: il percolato per esempio crea un problema infatti abbiamo affidato lo smaltimento a una società esterna, stiamo lavorando a rendere più razionali gli interventi. Anche l’Amia non è abilitata a smaltire tutti i tipi di rifiuti, quindi serve una razionalizzazione degli interventi”.
E ad intervenire alla seduta anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che ha sottolineato il fatto che l’emergenza al cimitero dei Rotoli si sia aggravata per i morti da Covid e che la cultura della cremazione non sia molto radicata nei palermitani.
“Signor sindaco la ringrazio perchè oggi stiamo affrontando un tema molto importante – è intervenuto Ferdinando Cusimano consigliere della VII circoscrizione – la situazione è grave, lo dico da uomo che ha sostenuto e sostiene ancora la forza politica che governa questa città. Sono stato io a promuovere, e il consiglio tutto ha portato in aula, la questione del cimitero dei Rotoli: si sono susseguite diverse ordinanze e tante riunioni senza fatti croncreti, le salme sono aumentate dall’estate a oggi e attualmente sono oltre settecento alcune delle quali in deposito da luglio.
In questi anni – continua – si è avuta una cattiva gestione al cimitero dei Rotoli, è mancato un indirizzo politico fermo, la mancata rotazione delle salme ha allungato tempi dell’estumulo e sicuramente anche la carenza del personale ha fatto la sua parte. Per fare politica bisogna essere anche impopolari e prendere decisioni forti, ancora ho fiducia nel suo operato e mi aspetto risoluzione immediata – afferma –  glielo dico perchè questa situazione non porta beneficio a persone che nel dolore devono sopportare l’altro dispiacere di non aver dato degna sepoltura al proprio caro. Non è ben chiara posizione di Reset all’interno del cimitero dei Rotoli che nel contratto di servizio dovrebbero occuparsi solo verde invece di fatto hanno in carico pulizia servizi igienici e locali del cimitero, bisogna stabilire chi deve fare cosa e mi aspetto un agire fermo da parte sua anche per i sistemi igienici non collegati alla rete fognaria inammissibile nella quinta città d’Italia. Dobbiamo trovare i fondi – conclude – oppure alzare le mani!. Come mi disse un giorno il professore Pasquale Culotta l’impianto urbanistico della città segue l’impianto urbanistico del cimitero e io aggiungo che il degrado del cimitero riflette il degrado della città”.
“Abbiamo mirato a trovare una soluzione non solo temporanea ma a realizare un progetto che dia respiro al cimitero Rotoli fino alla realizzazione del cimitero di Ciaculli e finalmente siamo vicini alla soluzione del problema”, ha affermato il sindaco.

Joey Borruso
Author: Joey Borruso

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Comments

comments

Related posts